Martedì, 22 Ottobre 2019
stampa
Dimensione testo
TAE AWAY

Minacce mafiose a un pizzaiolo di Reggio, il pm chiede sette condanne

estorsione, Bruno, Bruno Scaramuzzino, Francesco Belfiore, Giuseppe Surace, Massimiliano Polimeni, Pietro, Reggio, Calabria, Cronaca
Tribunale di Reggio Calabria

Dopo le pesanti richieste di condanna del Pubblico mistero Roberto Di Palma - 7 anni per Francesco Belfiore, Massimiliano Polimeni, Bruno Scaramuzzino, Bruno, Pietro e Giuseppe Surace; 5 anni per Domenico Surace - la parola è passata alle difese nel processo “Take away”, l'operazione della Dda e della Squadra Mobile della Questura che ha ricostruito il sequestro lampo di un pizzaiolo «preso a forza» davanti al suo locale al rione San Cristoforo di Reggio per saldare con 500 euro un debito da 50 euro con un ex dipendente.

Nella prossima udienza, che il Gup Pasquale Laganà ha fissato per venerdì 20 settembre, come riporta la Gazzetta del Sud in edicola, sono previste le eventuali repliche del Pm Di Palma, e controrepliche difensive. E il verdetto.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook