Sabato, 14 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
ESTORSIONE

Chiede il pizzo lasciando le impronte sulla lettera: arrestato a Reggio Calabria

di

Incastrato da una grave disattenzione. C'erano impresse in bella evidenza le sue impronte digitali (archiviate per i suoi precedenti nella banca dati AFIS, che è l'acronimo in lingua italiana di “Sistema Automatizzato di Identificazione delle Impronte”) sulla lettera minatoria inviata a una parrucchiera di Reggio con cui chiedeva un “pizzo” da 1.000 euro al mese «per i carcerati».

Richiesta estorsiva e minaccia - "sennò? ti bruciamo tutto" - che il Sostituto procuratore della Dda reggina, Roberto Di Palma, e i poliziotti della Squadra Mobile hanno ricostruito con il contributo investigativo della Polizia Scientifica e delle Volanti individuando ed arrestando Matteo Iannò, reggino della frazione Catona, 40 anni.

Che è finito ai domiciliari su decisione del Gip di Reggio con l'accusa di tentata estorsione, aggravata dal metodo mafioso.

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud in edicola, edizione di Reggio Calabria

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook