Martedì, 19 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
REGGIO CALABRIA

'Ndrangheta, il pentito: "Processi aggiustati in cambio di voti alla Lega Meridionale"

di
'ndrangheta, Reggio, Calabria, Cronaca
Tribunale di Reggio Calabria

Il patto di ferro tra i padrini del quartiere Brancaccio a Palermo e i referenti della 'ndrangheta della Piana di Gioia Tauro per giustiziare i servitori dello Stato. È quanto emerge dalla testimonianza del collaboratore di giustizia Marino Pulito, resa ieri in Corte d'Assise a Reggio nel processo "'Ndrangheta Stragista", l'inchiesta del procuratore aggiunto della Direzione distrettuale antimafia reggina.

Pulito contribuisce a delineare il periodo opaco e dilaniato dei primi anni Novanta. A partire dall'episodio in cui si agganciò Licio Gellì, il venerabile mente della Loggia segreta P2, per aggiustare un processo: "A quale prezzo? L'appoggio elettorale alla Lega meridionale con 4 mila voti. E a conferma del suo impegno telefonò a Giulio Andreotti: anche io parlai con lui, seppure al telefono quindi non avendolo mai visto in faccia.... Ma riconobbi la sua voce al telefono".

L'edizione integrale dell'articolo è disponibile sull'edizione cartacea della Gazzetta del Sud - edizione Calabria

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook