Martedì, 19 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
RICICLAGGIO

'Ndrangheta e imprenditoria a Reggio, processo "Martingala": la Dda chiede sette condanne

di

Uno spaccato di condivisione imprenditoriale con la 'ndrangheta. E la strategia di utilizzare le “cartiere” (le società di comodo nel gergo dei colletti bianchi) per riciclare denaro sporco e reinvestire i proventi dei business delle cosche. Anche questi temi accusatori - il cuore dell'indagine “Martingala” - sono stati affrontati ieri all'Aula bunker nella requisitoria del Pm, Stefano Musolino.

Sette le persone sul banco degli imputati ed altrettante le richieste di condanne avanzate dalla Procura. Si tratta di: Tindaro Giulio Barbitta, 3 anni di reclusione con l'esclusione dell'aggravante mafiosa; Domenico D'Agostino, 2 anni e 8 mesi di reclusione con l'esclusione dell'aggravante mafiosa; Pierfrancesco Arconte, 4 anni di reclusione; Serafina e Francesca Ceravolo, 1 anno di reclusione; Domenico Gallo, 9 anni di reclusione; Antonio Nicita, 4 anni di reclusione.

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud - edizione di Reggio Calabria in edicola.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook