Domenica, 19 Gennaio 2020
stampa
Dimensione testo
IL PROCESSO

Truffa sui posti di lavoro a Reggio, l'inchiesta evapora in tribunale

lavoro, processo, truffa, Anna Maria Tuzzato, antonino tripodi, Attilio Cotroneo, Bartolo Giuseppe Puleo, Bruno De Salvo, Carmelo Puleo, Caterina Repaci, Demetrio Bueti, Francesco Annunziato D’Agostino, Francesco Marcellino, Francesco Marino, Francesco Sergi, Gaetano Saccà, Giovanni Papalia, Giuseppe Antonino Penna, Giuseppe Branca, Ivan Grossi, Ivan Stefano Gaetano Paladino, Marcello Cambareri, Maria De Martinis, Mario Bueti, Mario Francesco Alizzi, Mario Marzullo, Maurizio Lo Duca, Nicola Anghelone, Paolo Paladino, Placido Magenta, Rosa Pennisi, Rosario Bueti, Salvatore Demetrio Orlando, Santo Crupi, Reggio, Calabria, Cronaca
Tribunale di Reggio Calabria

Tre condannati, tutti gli altri assolti nel merito o per intervenuta prescrizione. Si è concluso così, in Tribunale (presidente Silvia Capone, a latere Andreina Mazzariello e Federica Brugnara), il processo scaturito dall’inchiesta “Tutto truffa” condotta dalla polizia su una serie di presunti raggiri e inganni ai danni di persone alla ricerca di un posto di lavoro.

I tre dichiarati colpevoli - riporta la Gazzetta del Sud in edicola - sono Francesco Sergi (condannato a 2 anni e 6 mesi), Maria De Martinis (1 anno e 4 mesi, pena sospesa) e Francesco Marino (2 anni e 8 mesi) per complessivi quattro capi d’imputazione (per altri sono stati invece assolti).

Sono cadute, invece, le accuse per Mario Bueti, Ivan Stefano Gaetano Paladino, Francesco Marcellino, Giovanni Papalia, Rosario Bueti, Placido Magenta, Gaetano Saccà, Salvatore Demetrio Orlando, Mario Francesco Alizzi, Giuseppe Branca, Nicola Anghelone, Attilio Cotroneo, Anna Maria Tuzzato, Demetrio Bueti, Marcello Cambareri, Caterina Repaci, Mario Marzullo, Maurizio Lo Duca, Antonino Tripodi, Giuseppe Antonino Penna, Rosa Pennisi, Ivan Grossi, Francesco Annunziato D’Agostino, Santo Crupi, Carmelo Puleo, Bartolo Giuseppe Puleo e Bruno De Salvo. Dichiarato infine il non doversi procedere nei confronti di Paolo Paladino per morte del reo.

L’organizzazione finita nel mirino della Procura, in un'inchiesta sull’asse Reggio-Villa-Scilla, secondo la tesi accusatoria poi crollata nel corso del dibattimento in Tribunale, sarebbe stata capeggiata da Mario Bueti, villese di 58 anni, personaggio ben noto anche perché è stato impegnato in politica, da consigliere comunale.

Sarebbe stato promesso lavoro anche sulle navi dietro la corresponsione di ingenti somme di denaro.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook