Mercoledì, 12 Maggio 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Una faida di 'ndrangheta dietro l'omicidio Bagalà a Gioia Tauro
LE MOTIVAZIONI

Una faida di 'ndrangheta dietro l'omicidio Bagalà a Gioia Tauro

di

C'è un filo rosso sangue che lega gli omicidi di Vincenzo e Giuseppe Priolo, i tentati omicidi di Giuseppe “Nuccio Brandimarte” e Giovanni Priolo e l'assassinio di Francesco Bagalà.

Ne è convinto il gup del tribunale di Reggio Calabria che ha condannato a 30 anni di reclusione Alfonso Brandimarte, proprio per l'omicidio di Bagalà. Una convinzione che il giudice per l'udienza preliminare mette nero su bianco nelle motivazioni alla sentenza.

Il gup parte da quanto stabilito dal tribunale di Palmi nel pronunciamento di condanna a carico di Vincenzo Perri, il giovane cioè che uccise nel luglio 2011 Vincenzo Priolo, dando il via alla faida con i Brandimarte.

L'articolo completo nell'edizione odierna di Reggio della Gazzetta del Sud.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook