Domenica, 28 Novembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Il "re" delle slot machines di Milano, per il reggino Lampada cade l'aggravante mafiosa
IN APPELLO

Il "re" delle slot machines di Milano, per il reggino Lampada cade l'aggravante mafiosa

di

Cade l'accusa dell'aggravante mafiosa - aver reimpiegato i profitti illeciti delle slot machine che operavano in una catena di sette bar a Milano con il fine di agevolare le organizzazioni mafiose - nei confronti di Giulio Lampada, il 48enne reggino che è riuscito ad accumulare una vera e propria fortuna nella capitale finanziaria italiana sfruttando il business delle slot machine e beneficiando della protezione dei vertici delle 'ndrine Condello-De Stefano (come si ricava dalla condanna definitiva inerente l'operazione “Infinito”).

Un'esclusione che ha un immediato effetto pratico, come rimarcato dalla Corte d'Appello di Milano (davanti a cui si celebrava il terzo processo su questa questione specifica dopo le censure della Corte Supema di Cassazione): ridotta la pena di tre anni di reclusione.

L'edizione integrale dell'articolo è disponibile sull'edizione cartacea della Gazzetta del Sud - edizione di Reggio Calabria.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook