Giovedì, 01 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Cittadini "ribelli" a Reggio, violate le disposizioni anti-Coronavirus: 112 denunce
I CONTROLLI

Cittadini "ribelli" a Reggio, violate le disposizioni anti-Coronavirus: 112 denunce

di
coronavirus, Reggio, Calabria, Cronaca
FOTO ARCHIVIO

Nonostante le misure stringenti adottate dal governo e ulteriormente aggravate dal primo cittadino Giuseppe Falcomatà al fine di contenere il diffondersi del coronavirus, il controllo del territorio di Reggio non si ferma.

I numeri parlano chiaro, dopo l'attivazione delle misure previste dell'11 marzo scorso sono state controllate circa 3mila persone (esattamente 2.839). È record di di denunce soprattutto per inosservanza alle norme contenute nei decreti del governo dell'otto e del nove marzo.

Sono ben 112 i deferimenti ai sensi dell'articolo 650 del codice penale che recita: chiunque non osserva un provvedimento legalmente dato dall'Autorità per ragione di giustizia o di sicurezza pubblica, o di ordine pubblico o d'igiene, è punito, se il fatto non costituisce un più grave reato, con l'arresto fino a tre mesi o con l'ammenda fino a euro duecentosei.

L'articolo completo nell'edizione odierna di Reggio della Gazzetta del Sud.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook