Venerdì, 14 Agosto 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Reggio e la guerra di mafia, Molinetti a De Stefano: "I Tegano troppo sicuri di sé"
OPERAZIONE "MALEFIX"

Reggio e la guerra di mafia, Molinetti a De Stefano: "I Tegano troppo sicuri di sé"

«Quello è stato il problema! Loro hanno scoperto il fianco…». A parlare non sono due amici al bar ma due rappresentanti di rango delle cosche reggine. E bastano poche frasi per catapultare prima chi li ascolta, e poi gli inquirenti che trascriveranno la conversazione, nella Reggio della guerra di mafia.

Quella che ha contato centinaia di morti. «Erano troppo sicuri di sé… si sentivano che... alle... le altre persone erano inferiori a… non erano capaci... non avevano altre... sottovalutavano! Non bisogna mai sottovalutare gli altri!», dice Alfonso Molinetti, ergastolano in semilibertà, a Giorgio De Stefano, il rampollo della storica famiglia di Archi mandato a curare gli interessi a Milano.

Tutto è ricostruito nell'ordinanza di custodia cautelare dell'operazione Malefix, sfociata in una raffica d'arresti. È Alfonso Molinetti a lasciarsi andare alla narrazione di alcuni episodi della sua storia di vecchio 'ndranghetista.

L'articolo completo nell'edizione odierna della Calabria della Gazzetta del Sud.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook