Martedì, 26 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Femminicidio a Montebello, il vescovo: "Maschilismo e mentalità mafiosa"
REGGIO CALABRIA

Femminicidio a Montebello, il vescovo: "Maschilismo e mentalità mafiosa"

di

Un'altra donna ammazzata in casa. Un'altra moglie trucidata dall'uomo che diceva di amarla. Il triste rosario di tragedie registrate tra le mura domestiche si è allungato ancora.

Stavolta il soffio gelido della morte ha spazzato il comune di Montebello Jonico, ed ha sconvolto contrada “Zuccalà”, piccola borgata di periferia, dove oramai sono rimaste a vivere solamente poche famiglie. In quel minuscolo agglomerato di case, venerdì pomeriggio, Carmelo Minniti, 69 anni, pensionato, del posto, ha aggredito a colpi di accetta la moglie, Concetta Liuzzo.

L'arcivescovo di Reggio-Bova monsignor Giuseppe Fiorini Morosini, commenta: "Il maschilismo che vuole la donna sottomessa al maschio nelle relazioni familiari, anche in sfere sociali elevate - osserva il presule - è causa di tanta sofferenza nelle donne e alla base di delitti come il femminicidio. La tendenza a risolvere i conflitti e i contrasti con la violenza e l'intimidazione, spesso anche mafiosa, opprime e vincola ancora tanti settori delle nostre comunità alla cultura del dominio del più forte".

L'edizione integrale dell'articolo è disponibile sull'edizione cartacea della Gazzetta del Sud - edizione di Reggio Calabria. 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook