Mercoledì, 12 Maggio 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca A Gioia Tauro un cimitero di animali nel canile-lager
NEL REGGINO

A Gioia Tauro un cimitero di animali nel canile-lager

di
La macabra scoperta fatta dai proprietari del terreno della struttura “Metauria” chiusa nel 2019. Centinaia di scheletri trovati dopo la rimozione dei gabbioni, l’area è stata sequestrata

Il tempo, si sa, restituisce tutto portando alla luce anche le situazioni più amare e dolorose. Lo conferma quanto accaduto ieri mattina all’interno della proprietà dove, fino a un anno e mezzo addietro circa, sorgeva il canile degli orrori “Metauria”, un vero e proprio lager situato lungo la strada statale tra Gioia e Rosarno, in via IV Stradone Sovereto, gestito dall’architetto Carlo Pulice, ex assessore nella prima sindacatura Alessio e testimone di giustizia nel processo di ’ndrangheta denominato “Atlantide”.
La struttura, nell’ottobre del 2019, dopo le denunce degli animalisti dell’Enpa e un’articolata inchiesta della Gazzetta era finita al centro di un blitz interforze del Nucleo Radiomobile e Forestale dei Carabinieri, della Polizia Ecozoofila e di quella locale, coadiuvati dai veterinari dell’Asp di Taurianova, per le asserite condizioni di estremo degrado.  Oggi, a distanza di parecchi mesi, dal terreno sono riemerse decine e decine di carcasse di animali e, molto probabilmente, ancora ci sarà da scavare per avere esatta contezza delle proporzioni di ciò che si presenta come un vero e proprio cimitero nascosto di povere bestiole.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Reggio

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook