Mercoledì, 05 Ottobre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Ditta interdetta a Reggio, il ricorso è respinto perché troppo... lungo
TAR

Ditta interdetta a Reggio, il ricorso è respinto perché troppo... lungo

di
Il provvedimento della Prefettura resta in piedi: interrotti i rapporti con il Museo e la Scuola allievi carabinieri

Presunti condizionamenti in una ditta di pulizie e manutenzione e si abbatte una nuova interdittiva antimafia. Questa volta tra gli enti serviti dalla società c’era però un ente simbolo antimafia: la sede della scuola allievi dei Carabinieri nel quartiere Modena. E anche l’appalto per la pulizia del Museo archeologico nazionale. Tutto interrotto però perché la Prefettura ha riscontrato ingerenze criminali nella compagine societaria che ha comportato a cascata la risoluzione di tutti i contratti, nonché la revoca dell’iscrizione della stessa ditta dalla “white list” della stessa Prefettura. Un colpo durissimo per la società estromessa dall’attività di trasporto cose e la pulizia di Archivi di Stato, sedi della Soprintendenza e del Segretariato regionale dei Beni culturali. Un durissimo contraccolpo economico per la società che è corsa subito davanti alla giustizia amministrativa al fine di vedere cancellata la macchia dell’interdittiva. Ma il Tribunale amministrativo regionale non ha sospeso il provvedimento della Prefettura e ha respinto la richiesta di sospensiva urgente. Il motivo del rigetto, però, sembra allo stesso tempo curioso e particolare: ricorso troppo lungo.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Reggio

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook