Mercoledì, 14 Aprile 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Venti tonnellate di pescespada cinese bloccate alla frontiera di Gioia
NEL REGGINO

Venti tonnellate di pescespada cinese bloccate alla frontiera di Gioia

di
Le autorità sanitarie: pericoloso per il consumo

Un ingente quantitativo di pescespada proveniente dalla Cina è stato bloccato al porto di Gioia Tauro. Una complessa operazione gestita direttamente dal Ministero della Salute e tenuta in gran segreto. Tutto è partito a seguito di un primo controllo e il Documento Veterinario Comune di Entrata, si concludeva con esito “sfavorevole”, trattandosi di «merce non conforme e non idonea al consumo umano e animale» e non sottoposta a controllo di laboratorio «per pessime condizioni prodotto».
La merce (oltre 20mila chili) è stata, quindi, sottoposta al blocco preventivo e alla presenza dei titolari del carico e all’atto dell’apertura del container era stata accertata la «non integrità materiale dell’imballaggio e la non idoneità del prodotto all’esame sensoriale dell’odore, del colore e della consistenza» e riscontrandosi al successivo esame dei colli prelevati per l’ispezione in sala visita «alterazioni delle caratteristiche organolettiche del prodotto che risultava altresì maleodorante e con evidenti segni di bruciature da freddo, con numerose parti del prodotto chiaramente alterati».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Reggio

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook