Mercoledì, 14 Aprile 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Brogli a Reggio, restano ai domiciliari i collaboratori del consigliere Antonino Castorina
IN TRIBUNALE

Brogli a Reggio, restano ai domiciliari i collaboratori del consigliere Antonino Castorina

di
Il Tribunale della libertà ha rigettato il ricorso avanzato da tre suoi collaboratori

Sempre più solido l'impianto accusatorio sostenuto dalla Procura di Reggio contro il consigliere comunale del Partito democratico (sospeso), Antonino Castorina, e il suo “cerchio magico” con il quale avrebbe realizzato gli ormai tristemente celebri brogli elettorali alle elezioni comunali di Reggio Calabria del 20 e 21 settembre 2020. Il Tribunale della libertà ha rigettato il ricorso avanzato da tre suoi collaboratori, finiti agli arresti domiciliari nell'ambito della seconda tranche dell'indagine della Digos della Questura: Giuseppe Saraceno, zio acquisito dell’esponente dem; Simone D’Ascola; e il giornalista Antonio Morelli.

Prosegue intanto l’inchiesta della Polizia, coordinata dal procuratore vicario di Reggio Gerardo Dominijanni e e dei pm Paolo Petrolo e Nunzio De Salvo, sui brogli elettorali nell'ottica di accertare il meccanismo che avrebbe portato al voto per la corsa a Palazzo San Giorgio di persone decedute oppure anziani allettati.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook