Domenica, 19 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Reggio, parla Falcomatà: "Miramare? Una procedura regolare"
IN TRIBUNALE

Reggio, parla Falcomatà: "Miramare? Una procedura regolare"

di
Il sindaco si sottopone all’esame da imputato e risponde alle domande dei Pm De Caria
caso miramare, reggio calabria, Giuseppe Falcomatà, Reggio, Cronaca
Giuseppe Falcomatà

Nel processo per il “caso Miramare”, dove figura tra gli imputati, non cede nemmeno di un millimetro il sindaco Giuseppe Falcomatà a conclusione del primo round - quattro ore piene - dell'esame imputato, fase processuale che ha accettato di affrontare declinando l'opportunità che la legge prevede di avvalersi della facoltà di non rispondere. Davanti al fuoco di fila di domande del Pubblico ministero Nicola De Caria (assente ieri il Pm Walter Ignazitto) il sindaco Falcomatà ha sempre esibito una dialettica, e quindi risposte, puntuale e logica. Anche di fronte ad incerte contestazioni (uno-due episodi in tutto) o all'introduzione di elementi di novità rispetto al verbale di interrogatorio reso in fase di indagini preliminari in Procura.
L'esame inizia sul valore, economico e simbolico, del Grande Albergo Miramare: «Uno dei gioielli di famiglia, una struttura di notevole pregio economico e valore storico. Un simbolo della città. Per questo ci opponemmo alla vendita che avevano prospettato i Commissari prefettizi. Abbiamo ricevuto due proposte che significavano svendere mentre fino a poco tempo prima si affittava Villa Zerbi pagando a privati 300mila euro l'anno».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Reggio

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook