Mercoledì, 28 Luglio 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Platì, la chiesa impegnata contro la ’ndrangheta

Platì, la chiesa impegnata contro la ’ndrangheta

di
Il Vescovo Oliva replica a “Striscia la notizia”
platì, Reggio, Cronaca
Platì, ha sparato un minore

«Platì sta molto cambiando, oggi non è il paese di mafia come spesso, troppo superficialmente, si vuole far passare». È quanto ha dichiarato monsignor Francesco Oliva, vescovo della Diocesi di Locri-Gerace, intervenendo in merito al contenuto del servizio televisivo di “Striscia la notizia” dei giorni scorsi, nel corso del quale si è parlato di una targhetta “a memoria”, posta sotto la statua di San Michele nella chiesa di Platì.
Il vescovo Oliva, attraverso una nota stampa, precisa che la circostanza descritta nel programma di Canale 5 «con accenti fortemente spettacolarizzati continua ad alimentare l’immagine di un paese di mafia, criminalizzando, forse anche al di là delle stesse intenzioni del cronista, l’intera comunità platiese, che, seppur nota per fatti di cronaca legati alla ’ndrangheta, è una comunità di cittadini onesti e laboriosi, molto giovane (media età dei residenti 36,1 anni) ad altissimo tasso di disoccupazione (superiore al 50%)».
«La stessa circostanza – continua mons. Oliva – non può far passare sotto tono l’impegno della chiesa locale nella lotta contro la criminalità organizzata e la ’ndrangheta, ritenuta un vero male sociale, che contraddice i valori evangelici.

L'articolo integrale potete leggerlo nell'edizione cartacea – Calabria

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook