Martedì, 22 Giugno 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Psichiatria a Reggio, vertenza in piazza: la rete territoriale non basta
ASSISTENZA

Psichiatria a Reggio, vertenza in piazza: la rete territoriale non basta

di
L’appello delle famiglie: ricoveri fermi da 6 anni

L’approvazione della rete territoriale non basta a revocare lo stato di agitazione. I lavoratori della psichiatria chiedono risposte concrete come il pagamento delle 5 mensilità arretrate che non percepiscono dall’inizio del 2021. Il Coolap annuncia un sit-in a piazza Italia lunedì mattina per sensibilizzare la comunità rispetto ad un problema che le istituzioni da anni lasciano irrisolto. Un appello che arriva anche da parte dei familiari dei pazienti che chiedono un incontro al Prefetto.

Spiegano i coordinatori del Coolap, Vincenzo Barbaro, Filippo Lucisano e Giuseppe Foti: «Il commissario Guido Longo, con il decreto del 18 maggio 2021, ha lasciato con molte incognite il destino dei servizi della psichiatria. Dalla scadenza della proroga del 31 dicembre 2020, i lavoratori si trovano senza stipendio e con la consapevolezza di essere stati inascoltati dallo Stato e dalla politica calabrese. L’approvazione della rete territoriale è importante , ma non può bastare». Perché? «Se si chiede continuità della cura per i pazienti non ci si può lavare le mani e non pagare i servizi resi coprendosi con la scusa della legalità». Ma non si arrendono: «Come sempre e con dignità lotteremo con ogni mezzo per far cessare questo abuso frutto di arroganza».

Si rivolgono al commissario Longo: «Le sembreranno parole dure ma capirà la responsabilità che abbiamo nei confronti delle nostre famiglie e dei nostri pazienti. Nessuno allo scadere della proroga il 31 dicembre 2020, ha informato le cooperative che i servizi avrebbero dovuto cessare e, con essi, anche il diritto alla cura di tante persone che hanno diritto alle cure. Con la cessazione dei servizi, si rischia una impietosa transumanza che trasferirebbe “come pacchi” i pazienti verso contesti a loro poco familiari, con conseguenze devastanti per la loro fragilità».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Reggio 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook