Venerdì, 30 Luglio 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca 'Ndrangheta: accordo boss-giudice a Reggio Calabria, chieste 5 condanne
AL GUP DI CATANZARO

'Ndrangheta: accordo boss-giudice a Reggio Calabria, chieste 5 condanne

concorso esterno in associazione mafiosa, corruzione in atti giudiziari, richieste condanna, rito abbreviato, Armando Veneto, Domenico Bellocco, Giuseppe Consiglio, Rosario Marcellino, vincenzo albanese, Reggio, Cronaca
Il tribunale di Catanzaro dove si sta svolgendo il procedimento

Il sostituto procuratore della Dda di Catanzaro Veronica Calcagno ha chiesto cinque condanne nel processo su un presunto caso di corruzione in atti giudiziari e aggravata dal metodo mafioso e concorso esterno in associazione mafiosa per avere tentato di corrompere un giudice. Tra gli imputati l’avvocato Armando Veneto, ex deputato ed ex parlamentare europeo dell’Udeur, già sindaco di Palmi con il Partito popolare, per il quale il pm ha chiesto 8 anni di reclusione. Stessa pena è stata invocata per Domenico Bellocco, Giuseppe Consiglio e Rosario Marcellino. Quattro anni di reclusione sono stati chiesti per il collaboratore di giustizia Vincenzo Albanese. Le arringhe difensive sono in programma il 12 novembre mentre il 24 novembre avrà inizio il processo con rito ordinario nei confronti di Vincenzo Puntoriero e Gregorio Puntoriero.

I fatti risalgono al 2009 e nelle indagini compare la figura del giudice Giancarlo Giusti (suicidatosi a marzo del 2015) che, stando alla ricostruzione dell’accusa, in qualità di magistrato componente il Tribunale del Riesame di Reggio Calabria, nell’udienza del 27 agosto 2009, annullò l’ordinanza di carcerazione emessa dal gip nei confronti dei componenti della cosca Bellocco arrestati nel corso dell’operazione «Rosarno è nostra 2». In cambio del provvedimento favorevole, sempre secondo l’accusa, il giudice avrebbe ricevuto 120 mila euro, 40mila euro ciascuno dai tre indagati favoriti individuati in Rocco Bellocco, Rocco Gaetano Gallo e Domenico Bellocco. A fare da intermediari sarebbero stati l’avvocato Armando Veneto, Gregorio Puntoriero, Vincenzo Puntoriero. Secondo l’accusa di concorso esterno Armando Veneto, Vincenzo Puntoriero, Gregorio Puntoriero, Vincenzo Albanese, Giuseppe Consiglio e Rosario Marcellino avrebbero favorito la cosca Bellocco ponendosi quale trait d’union tra la cosca e il giudice del Riesame con conseguente scarcerazione di tre di essi, collocati ai vertici del sodalizio. (ANSA).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook