Mercoledì, 27 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca A Rosarno sequestrata una discarica abusiva a cielo aperto
CARABINIERI

A Rosarno sequestrata una discarica abusiva a cielo aperto

Nell'area, vicino alla vecchia Ss 682 in disuso, sono stati trovati rifiuti speciali pericolosi, plastiche per imballaggi, ingombranti di vario genere e anche lastre e tegole in amianto

Negli ultimi giorni, i carabinieri a Rosarno nell’ambito di servizi finalizzati alla prevenzione e repressione di delitti in materia di inquinamento ambientale, hanno posto in sequestro preventivo un’intera area, in prossimità della S.S. 682, che costituisce una vecchia bretella di collegamento stradale ormai in disuso da anni, adibita a discarica abusiva a cielo aperto.

Nel corso del controllo di polizia, su strada i militari hanno rinvenuto ingenti quantità di rifiuti speciali pericolosi, fra i quali plastiche per imballaggi, ingombranti di vario genere e persino innumerevoli lastre e tegole in amianto “Eternit”, il cui utilizzo, con ogni probabilità, era destinato in origine, per la copertura di tettoie di abitazioni private o capannoni industriali.
A seguito del sequestro, la custodia dell’intera area interessata dall’accumulo dei rifiuti, la cui libera disponibilità avrebbe continuato a costituire un elevato rischio per la salute dei cittadini, è stata affidata alla locale Amministrazione.
Nell’ambito del medesimo contesto operativo, si inseriscono diverse attività svolte negli ultimi mesi, finalizzate a contrastare il rilevante fenomeno di deposito incontrollato o abbandono di rifiuti, reiterato nel tempo.

Solo di recente, infatti, in altro Comune della piana di Gioia Tauro erano stati sottoposti a sequestro preventivo altri quattro siti, ritenuti delle vere e proprie discariche abusive: una situazione portata all’attenzione dell’Autorità Giudiziaria, per tutti gli approfondimenti ritenuti necessari.
Anche a Rosarno, unitamente alla Capitaneria di Porto, era stata sequestrata un’altra vasta area nei pressi della foce del fiume “Mesima”, divenuta nel tempo “terra di nessuno” oggetto di continui depositi incontrollati di rifiuti da parte di molti irresponsabili senza scrupoli di coscienza.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook