Venerdì, 22 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Melito, una “bomba ecologica” da rimuovere
AMBIENTE

Melito, una “bomba ecologica” da rimuovere

di
Il greto della fiumara Tabacco trasformato in un’immensa discarica a cielo aperto

Il greto della fiumara “Tabacco” trasformato in discarica è un angosciante miscuglio di mancanza di vergogna e inciviltà senza limiti. Non solo. C’è inoltre, e questo emerge a chiare lettere, ancora , per l’ennesima volta, la conferma dell’esistenza di un numero evidentemente cospicuo di evasori Tari. Gente che, non avendo avuto la possibilità di avere in dotazione i mastelli per la differenziata in quanto non iscritta a ruolo, ha necessità di disfarsi dei rifiuti prodotti. E lo fa ovunque capiti. Senza remora alcuna. Neppure il rischio di arrecare un danno ambientale enorme al territorio (senza dimenticare quello d’immagine), li frena dal conferire selvaggiamente di tutto.

E così un ampio tratto della fiumara è stato lentamente invaso da una quantità indescrivibile di spazzatura. Ci sono vecchi mobili, elettrodomestici arrugginiti, materassi, culle e una marea di buste con dentro resti di cibo. Il fetore sprigionato dall’ammasso informe di schifezze si sente persino dal ponte della sovrastante Statale 106. La situazione è da allarme rosso. Pericolosa al massimo. Non solo perché mette a rischio l’incolumità di eventuali passanti, ma lo è anche in previsione del maltempo. Nel momento in cui arriveranno i primi acquazzoni di una certa intensità, il danno sarà centuplicato. Trasportati dall’acqua i rifiuti finiranno inesorabilmente in mare. Se non tutti, buona parte di essi.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Reggio

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook