Lunedì, 06 Dicembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Villa San Giovanni, "a Cannitello le abitazioni rischiano di finire in mare"
LA LETTERA

Villa San Giovanni, "a Cannitello le abitazioni rischiano di finire in mare"

di

Dagli annunci ai fatti: l’associazione “La Madonnina” si rivolge al Prefetto Mariani e al presidente della giunta regionale Roberto Occhiuto a nome della comunità cannitellese «perché la stagione invernale è alle porte e le case rischiano di franare in mare». Il problema è più che conosciuto: l’abitato di Cannitello a nord è già nell’acqua perché nelle adiacenze della foce del torrente Zagarella l’erosione si è “mangiata” tutta la spiaggia e l’ultima mareggiata ha messo a dura prova anche il contenimento realizzato dai privati con massi a protezione delle abitazioni. Sono a rischio le fondamenta delle case (e di un noto ristorante) perché il mare ha scavato metri a ridosso delle stesse. La Madonnina evidenzia «la circostanza di estrema gravità» attribuendola «alle opere marittime eseguite, senza criterio, da organi dello Stato nell’ottica di tutelare la costa soggetta a erosione ma che di fatto hanno causato il crollo di alcune case e dei manufatti di protezione dal mare. Aver eseguito opere totalmente inadeguate alla peculiarità del sito con modalità avverse ad ogni più elementare nozione in materia – scrive il presidente Ignazio Scopelliti, firmatario della lettera indirizzata a Mariani e Occhiuto – ha causato un disastro ambientale senza precedenti: è stata accelerata esponenzialmente l’erosione che, in breve, ha divorato la spiaggia ed aggredito le fondamenta delle case».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Reggio

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook