Giovedì, 19 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Siderno e Locri, l’occasione per “collegarle” alla nuova 106?
VIABILITÀ

Siderno e Locri, l’occasione per “collegarle” alla nuova 106?

di
Il paradosso di una strada a scorrimento veloce raggiungibile dai due centri maggiori attraverso arterie tortuose e infelici

La recente notizia del completamento della strada d’interconnessione tra la via Angelo Cosmano di Locri e la via Carrera di Siderno con la E90 (ex statale 106) frutto di un protocollo d’intesa stipulato con la Città Metropolitana di Reggio Calabria apre nuovi spazi alla possibilità di tornare sulla assoluta necessità di “rivedere” gli svincoli della nuova Statale 106 delle due città. Una necessità che, malgrado le solite promesse mai mantenute, rappresenta un’urgenza indiscutibile principalmente per Siderno, che si ritrova uno svincolo che porta a una strada stretta e pericolosa, ma anche per Locri, dove la distanza della nuova arteria dall’abitato è notevole. Due svincoli, insomma, a suo tempo studiati e progettati in maniera certamente poco felice.
Quello di Locri, dicevamo, si trova a monte della città, ben lontano dal centro abitato. Quello di Siderno è apparso subito, sin dalla sua apertura, un vero disastro. Immette in un’arteria comunale molto stretta e tortuosa, che attraversa un agglomerato di abitazioni ed è particolarmente pericolosa e difficile da percorrere soprattutto per i mezzi pesanti.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Reggio

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook