Lunedì, 08 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Inchiesta vigili urbani Reggio Calabria, revocati i domiciliari ad Anselmi e Costantino
ORDINANZA ANNULLATA

Inchiesta vigili urbani Reggio Calabria, revocati i domiciliari ad Anselmi e Costantino

La sesta sezione della Corte di Cassazione ha annullato senza rinvio l’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di Mauro Anselmi e Giuseppe Costantino, i due agenti della polizia municipale di Reggio Calabria che, lo scorso luglio, erano finiti agli arresti domiciliari. Altri sette agenti erano stati sospesi dal servizio nell’ambito dell’inchiesta, coordinata dalla Procura della Repubblica, su quella che è stata definita una «vera e propria associazione a criminale».
I due vigili urbani Anselmi e Costantino sono i principali indagati perché, secondo il pm Alessia Giorgianni, avevano messo in piedi una vera e propria associazione criminale. Nelle settimane scorse, su richiesta della stessa Procura, per i due erano stati sostituiti i domiciliari con l’interdizione dal lavoro. Accogliendo il ricorso presentato dagli avvocati Aldo Labate e Carlo Morace, la Suprema Corte ha annullato la precedente ordinanza di custodia cautelare disposta dal gip e, di fatto, ha revocato anche la misura dell’interdizione. Secondo gli inquirenti, al Comando della polizia municipale di Reggio Calabria ci sarebbe stato un sodalizio finalizzato alla ricerca di veicoli da rottamare, acquisire o cannibalizzare. Oltre all’associazione a delinquere, la Procura contesta agli indagati anche i reati di concussione, induzione indebita a dare o promettere utilità, falso ideologico e violenza privata. L'indagine era partita da una denuncia presentata da un ambulante extracomunitario, residente da 30 anni in Italia, vittima di un’ingiustificata appropriazione della merce esposta da parte di Anselmi e Costantino. Per i pm, i vigili erano soliti sottrarre sistematicamente la merce esposta per la vendita da ambulanti di origini extra-comunitarie.
Lo scorso ottobre la Procura aveva notificato ai 13 indagati l'avviso di conclusione indagini. Ritornando all’udienza davanti alla Suprema Corte, lo stesso procuratore generale della Cassazione, nel corso dell’udienza, aveva chiesto l’annullamento dell’ordinanza di arresto ma con un rinvio a un nuovo Tribunale del Riesame. Invece è stato disposto un annullamento senza rinvio.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook