Domenica, 04 Dicembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Neurochirurgia, anche a Reggio... si può. Ci sono professionalità e attrezzature
SANITA'

Neurochirurgia, anche a Reggio... si può. Ci sono professionalità e attrezzature

di
Il punto con il direttore dell’Unità operativa del Gom, Campello: «I risultati del lavoro di équipe si vedono eccome». «Viaggi della speranza? È l’erba del vicino. Ma qui ci sono professionalità e attrezzature»
Reggio, Cronaca
Mauro Campello

Branca superspecialistica, ad alto tasso di competenze e tecnologie, la Neurochirurgia è uno dei punti di forza​ del Grande ospedale metropolitano di Reggio Calabria,​ tra le unità operative che in giro per l’Italia “incassano” giudizi lusinghieri. Con il direttore Mauro Campello, facciamo il punto della situazione post-Covid, partendo dallo zoccolo duro: i​ ​ ​​viaggi della speranza​.

- È paradossale ma​ anche realistico che,​ a fronte della professionalità dei nostri operatori sanitari e della qualità raggiunta in particolare da alcuni reparti, si continui ad emigrare dalla Calabria per salute. E così, tra quanti fanno questa scelta,​ rientrano chi accusa patologie neurochirurgiche.

«Succede che spesso l’erba del vicino sembri più verde... ma è solo una impressione. Non​ possiamo nascondere a noi stessi che una parte della mobilità passiva sanitaria è figlia (e anche nipote, a seconda dei casi) della migrazione lavorativa di tante generazioni di calabresi con parenti che si trovano al Nord e spingono per il trasferimento dei loro congiunti. Ma in questi anni, ho avuto modo di verificare che la percentuale di questi casi è significativa ma nemmeno maggioritaria».

- Pesano non poco​ i pregiudizi, che spingono a bypassare completamente l’ospedale e quindi anche le specifiche unità operative.

«In quei casi la sfiducia è indirizzata soprattutto nei confronti delle risorse gestionali e nelle dotazioni tecnologiche, quasi che i risultati positivi raggiunti possano essere scomposti in una quota di competenza medica personale e in una quota dovuta all’intorno organizzativo-strumentale. Il discorso è “Mario Rossi è bravo ma l’ospedale Verdi non ha tutte le attrezzature”».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Reggio

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook