Lunedì, 15 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Reggio, spazi pubblici di bar e ristoranti: “Un errore tornare subito all’antico”
AMMONIMENTO

Reggio, spazi pubblici di bar e ristoranti: “Un errore tornare subito all’antico”

Confcommercio chiede aiuto a Governo e Comune. Labate: troppi aumenti, economia ancora in ginocchio
confcommercio, Reggio, Cronaca
Lorenzo Labate

Momento delicato per bar e ristoranti che, dal primo aprile, alla luce della legge di conversione del DL 228/2021, vedranno reintrodotta la “tassa sui dehor” e saranno dunque chiamati a corrispondere il canone di occupazione suolo. Per Confcommercio «un ritorno al passato voluto dal Governo in un momento delicatissimo».
Con l’inizio dell’emergenza sanitaria, a partire dal decreto Rilancio, i pubblici esercizi avevano potuto beneficiare della gratuità dell’occupazione suolo per la collocazione di tavolini e sedie all’aperto al fine di ampliare gli spazi di vendita indispensabili alla luce dell’obbligo di distanziamento e delle altre restrizioni vigenti. «Una disposizione – ricorda Confcommercio – che aveva dato una boccata di ossigeno e un’opportunità in più a molti ristoratori. Tra meno di 15 giorni, l’emergenza, almeno sulla carta, terminerà e quindi, dal primo aprile, chi aveva ottenuto le autorizzazioni dovrà pagare la concessione aggiuntiva».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Reggio Calabria

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook