Giovedì, 30 Giugno 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Il potere di Catanoso e Zimbone: "a Reggio un'associazione per delinquere"
LA TESI

Il potere di Catanoso e Zimbone: "a Reggio un'associazione per delinquere"

di
Secondo la Procura alla Mediterranea i due Rettori «agivano in totale spregio della normativa e del principio di meritocrazia»

Il prof. Pasquale Catanoso è stato Rettore della Mediterranea fino al 14 novembre 2018, oggi è il Pro Rettore Vicario. Ma secondo i magistrati inquirenti (che ne avevano chiesto gli arresti domiciliari) e il gip Quaranta (che, invece, l’ha interdetto dalle funzioni per 12 mesi) sarebbe Doctor Jekyll e Mister Hyde.
Dalle indagini della Guardia di Finanza emerge che Catanoso era «il çapo e promotore dell'associazione, gestiva le risorse finanziarie disponibili. le autovetture di servizio, gli appalti dei lavori edili di manutenzione dei locali universitari, le procedure concorsuali e comparative per le posizioni di ricercatori. professori ordinari e associati.

Anche il prof. Marcello Zimbone sarebbe, a giudizio dei magistrati, «capo. e promotore dell'associazione» che dominava all’interno della Mediterranea e «proseguiva l'illecita gestione di Catanoso senza soluzione di continuità, avallando e garantendo ai Direttori dei Dipartimenti e ai docenti la conservazione delle loro posizioni privilegiate, nonché la progressione di carriera dei candidati di volta in volta segnalati.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Reggio Calabria

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook