Martedì, 04 Ottobre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca “Nuova Linea”, il ‘pizzo’ era la regola anche a Villa San Giovanni
L'INCHIESTA

“Nuova Linea”, il ‘pizzo’ era la regola anche a Villa San Giovanni

di
Ricostruite tre estorsioni su lavori affidati da Comune, Anas e Rfi
Inchiesta Scilla, Reggio, Cronaca
Il procuratore Bombardieri

Scilla, Bagnara, ma anche Villa San Giovanni: secondo i carabinieri, le cui ipotesi sono confluite nell’ordinanza di custodia cautelare richiesta dalla Dda di Reggio, sarebbe il 33enne Alberto Scarfone il rappresentante della cosca Nasone-Gaietti di Scilla «nella gestione dei rapporti con le articolazioni di ’ndrangheta operanti nei territori limitrofi e con le cosche di Archi». Quest’ultime, stando sempre al mosaico messo insieme dagli inquirenti e tutto da accertare un sede processuale, «ne avallavano l’operato e contribuivano nella distribuzione dei proventi illeciti». Nel dettaglio, Scarfone è accusato anche di aver individuato imprenditori e commercianti da sottoporre ad estorsione nel territorio di Villa San Giovanni , «stabilendo – è l’accusa – importi e modalità di pagamento del pizzo».
Stando alle risultanze delle indagini, nel mirino delle cosche sarebbero così finiti – sul territorio della “porta marittima” della Calabria – i lavori di riqualificazione dei marciapiedi in via Nazionale ad Acciarello appaltati dall’amministrazione comunale e quelli per la protezione dalla caduta massi sulla Strada statale 18 commissionati in questo caso dall’Anas e ancora quelli affidati d’urgenza da Rfi per l’attivazione dei binari ferroviari a Cannitello dopo gli eventi meteo del 9 e 10 giugno 2021.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Reggio Calabria

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook