Sabato, 04 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Sprangate a migrante: i tre imputati condannati a 2 anni. C'è anche un reggino
IL PROCESSO

Sprangate a migrante: i tre imputati condannati a 2 anni. C'è anche un reggino

Il giudice di Imperia Marta Maria Bossi ha condannato oggi a 2 anni di reclusione ciascuno Ignazio Amato, 29 anni, originario di Palmi (Reggio Calabria), Francesco Cipri, 40 anni e Giuseppe Martinello, 45 anni, entrambi originari della provincia di Agrigento, accusati di lesioni per aver preso a sprangate Moussa Balde, 23 anni, il migrante della Guinea, che pochi giorni dopo si impiccò nel Cpr di via Brunelleschi a Torino. L’aggressione, a detta degli imputati, residenti a Ventimiglia, fu conseguente a un tentativo di borseggio da parte di Balde a uno di loro. Nel corso della requisitoria, il 9 dicembre scorso, il pm Matteo Gobbi aveva chiesto una pena a 2 anni e 8 mesi di reclusione ciascuno. «Ritengo comunque che sia stata una sentenza equilibrata. E' stata concessa la sospensione condizionale della pena - afferma l'avvocato Marco Bosio, che assiste i tre imputati - e sono state riconosciute le attenuanti generiche in misura equivalente rispetto alle contestate aggravanti, come richiesto dalla difesa».

Per il legale «è stato importante anche il risarcimento del danno da parte degli imputati. Leggeremo comunque le motivazioni ma in generale possiamo ritenerci soddisfatti della sentenza. Valuteremo se ci sono gli spazi per ricorrere in Appello e ottenere una riduzione». Per l’avvocato di parte civile, Gianluca Vitale, che assiste la famiglia di Balde «il giudice ha riconosciuto le circostanze attenuanti generiche equivalenti sulle aggravanti contestate. Il pm aveva chiesto di escluderle e la difesa aveva chiesto di ritenerle prevalenti. Devo dire che una condanna a due anni è significativa e sia correttamente parametrata alla gravità del fatto». Aggiunge Vitale: «C'è stato anche un risarcimento di tremila euro alle parti civili. Erano stati contestati i 10 giorni di prognosi perché credo ci sia stata una sottovalutazione da parte dei medici. Viene però riconosciuta la gravità dell’aggressione, al di là delle conseguenze che andranno viste anche in altra sede».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook