Sabato, 14 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
MUSEO NAZIONALE

Reggio, il fascino senza tempo dei Bronzi: oltre 1500 ingressi in due giorni

bronzi di riace, marrc, Museo nazionale di Reggio, Palazzo Piacentini, reggio calabria, Carmelo Malacrino, Giuseppe Conte, Reggio, Calabria, Cultura
Bronzi di Riace

Oltre 1500 ingressi nella due giorni di Pasqua. Il fascino senza tempo dei due Guerrieri risalenti al V secolo a.C. continua a fare del MArRc una meta da non perdere. Ieri Palazzo Piacentini, a Reggio, ha contato più di 900 visitatori che vanno ad aggiungersi ai circa 600 della giornata di Pasqua. Nella giornata di mercoledì, quando la Costa Neo Riviera ha sostato dalle 9 alle 17 al Porto, di biglietti al Museo ne sono stati staccati circa 1800 biglietti.

Il tempio della cultura continua a rappresentare un'attrazione che svela ai visitatori la storia di un territorio culla della Magna Grecia. I Bronzi venuti alla luce dai fondali di Riace nel 1972, sono le star indiscusse. Anche il presidente del Consiglio dei ministri, Giuseppe Conte e i componenti del Governo sono rimasti incantati al cospetto della maestosità delle sculture custodite al Museo Nazionale della città dello Stretto.

Ma il MArRc, guidato dal direttore Carmelo Malacrino, non è solo la casa dei Bronzi e una volta dentro nelle sale del nuovo allestimento i migliaia di visitatori che, anche per via delle condizioni meteo, hanno affollato le sale hanno avuto modo di apprezzare le tante testimonianze delle prestigiose civiltà che hanno vissuto in riva allo Stretto.

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud - edizione di Reggio Calabria in edicola. 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook