Lunedì, 01 Giugno 2020
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura “Katapontismós chiunque scandalizzi i piccoli”, Marziale incontra i lettori a Reggio
IL LIBRO

“Katapontismós chiunque scandalizzi i piccoli”, Marziale incontra i lettori a Reggio

Nel mondo greco il Katapontismós consisteva nell’annegamento rituale di persone o cose, impiegato per infliggere punizioni e in caso diordalie.

È a questo che Gesù si riferiva quando disse: «Chi invece scandalizza anche uno solo di questi piccoli che credono in me, sarebbe meglio per lui che gli fosse appesa al collo una macina girata da asino, e fosse gettato negli abissi del mare.»?

Attingendo ad inchieste giudiziarie e giornalistiche e alla propria esperienza personale contro la pedofilia, Antonio Marziale, sociologo, fondatore e presidente dell’Osservatorio sui Diritti dei minori, garante per l’infanzia e l’adolescenza della Regione Calabria, porta alla luce con la pubblicazione di “Katapontismós chiunque scandalizzi i piccoli” l’esistenza di lobbie culminate in un “partito dei pedofili”, in una “giornata mondiale dell’orgoglio pedofilo” e persino in una “brigata pretoriana pedofila armata”, pronta a colpire i nemici della pedofilia.

Marziale è stato tra gli estensori del “Codice internet e minori” vigente, ha denunciato mercati online di pedopornografia che hanno coinvolto bambini anche in tenera età e recentemente è stato nominato consulente della Commissione parlamentare d’inchiesta sui fatti accaduti nella comunità “Il Forteto”.

L’introduzione è a firma della dirigente scolastica Eva Nicolò e la postfazione a cura di Antonio Pascotto, giornalista Mediaset, per Laruffa Editore. Oggi e domani dalle 10 alle 12.30 e dalle 16.30 alle 19.30, Marziale incontrerà i lettori e firmerà le copie nella Libreria Laruffa in Via Aschenez, 46 a Reggio Calabria.

© Riproduzione riservata

TAG:

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook