Sabato, 19 Ottobre 2019
stampa
Dimensione testo
LA VERTENZA

Niente stipendi ai reintegrati, portuali di Gioia Tauro pronti a un nuovo sciopero

di

«Ci duole bloccare le attività del terminal ma comunicheremo alla commissione di garanzia che, se non ci sarà il pagamento delle spettanze degli stipendi di tutti i lavoratori reintegrati, sarà sciopero ad oltranza. Allo stesso tempo, ci auguriamo che si trovi al più presto un accordo con Msc e che la stessa diventi unico gestore del porto in quanto i lavoratori, per il comportamento ostile dell’azienda Mct, hanno ormai perso ogni fiducia necessaria in un qualsiasi rapporto professionale».

Sono parole che non necessitano di particolari interpretazioni quelle pronunciate dal segretario regionale Uiltrasporti, Giuseppe Rizzo: è di nuovo protesta. Lunedì mattina, dalle ore 6, i lavoratori del porto di Gioia Tauro si daranno appuntamento al gate d’ingresso e torneranno ad incrociare le braccia. Lo faranno davanti ai cancelli dell’hub portuale gioiese e accanto a loro, insieme ai vertici del sindacato, ci sarà anche il segretario generale della Uil Calabria, Santo Biondo.

L'articolo completo nell'edizione odierna di Reggio della Gazzetta del Sud.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook