Domenica, 16 Giugno 2019
stampa
Dimensione testo
SETTORE ALIMENTARE

Ancora un'emergenza occupazionale a Reggio, in arrivo 23 licenziamenti alla Alival

di
alival reggio, disoccupazione, licenziamenti, Reggio, Calabria, Economia
Cancello chiuso (foto Pixabay)

Nuova “bomba” sociale in città. Si rischiano altri 23 licenziamenti alla “Alival” che già nei mesi scorsi ha proposto il contratto di solidarietà. La società svolge attività industriale nel settore alimentare. Più specificatamente produce formaggi a pasta dura e a pasta molle, sia per il mercato interno che estero.

La società è presente in più sedi: Ponte Buggianese (Pistoia, 88 dipendenti), Porcari (Lucca, 59), Cinigiano (Grosseto, 27), Reggio Calabria con 80 lavoratori dipendenti e Pienza (Siena, 36).

“Alival” ha avviato la procedura per la mobilità del personale e ha scritto una lettera alle organizzazioni sindacali di Flai Cgil, Fai Cisl, Uila Uil: «Nello stabilimento cittadino Alival svolge attività industriale nel settore dei formaggi ed in particolare si occupa di produzione e confezionamento di mozzarelle e formaggi a pasta filante; il suo mercato di riferimento è la grande distribuzione, servendo tutte le principali catene. La società Alival nel suddetto stabilimento da diverso tempo ha in corso una crisi, dovuta a una riduzione sensibile del consumo di formaggio da parte della clientela che ha generato una sovrapproduzione e la saturazione dei magazzini.

Per saperne di più leggi la versione integrale dell’articolo su Gazzetta del Sud – Reggio in edicola oggi.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook