Martedì, 18 Dicembre 2018
stampa
Dimensione testo
LA DIATRIBA

Reggio, ping pong ai Ministeri per i tir al porto: levata di scudi della politica locale

di
ministeri, porto, reggio, tir, riccardo mauro, Reggio, Calabria, Politica
Villa, due ore di attesa agli imbarchi per la Sicilia

Da un ministero all'altro. Attese infinite che tengono la città e anche le due società proponenti il progetto di traghettamento dei mezzi pesanti sullo Stretto "Caronte&Tourist" e "Diano" in ansia. Dopo l'ok del ministero dell'Ambiente con numerose e precise prescrizioni alla valutazione di impatto ambientale tutto il fascicolo è stato trasferito al ministero dei Beni Culturali. Servirà un altro ok per poter aprire i cantieri. La parte di competenza del Mibact serve per capire come e in che modo dovranno essere rispettati durante l'esecuzione dei lavori i vincoli architettonici e storici dell'area.

Non si capisce bene quali siano ma in ogni caso la realizzazione degli approdi nella zona di Pentimele a Nord del porto cittadino porterà a una modificazione urbanistica importante oltre a cambiare radicalmente l'area che, però attualmente è in uno stato di totale degrado e anzi una parte del piazzale- adesso usato come parcheggio dei camionisti- sta cedendo con tanto di ordinanza di divieto di sosta e transito emessa dalla Capitaneria di Porto.

I tempi di rilascio del nuovo parere non sono noti ma comunque lo scoglio più duro per le società è stato superato perché l'iter amministrativo che ha portato all'ok alla Via arrivato il 16 novembre scorso ma conosciuto solo nei giorni scorsi è stato molto travagliato e ricco di stop. Una prima procedura era stata ritirata, poi la ripartenza, la richiesta di integrazione documentale, quindi a febbraio scorso l’emissione di 42 prescrizioni pesanti e gli adempimenti tecnici sollecitati alle ditte. Tutto adempiuto già prima dell'estate scorsa.

Il vice sindaco metropolitano Riccardo Mauro interviene sul caso dei tir al porto e dichiara: «Progetto scellerato, non possono procedere contro la volontà della comunità. Non retrocediamo di un millimetro. È inimmaginabile proporre un tale stravolgimento dell’assetto urbanistico di un’area cosi ampia senza il coinvolgimento delle realtà locali.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X