Venerdì, 06 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
IL CASO

Degrado ed ecomostri di Saline Joniche: arrivano le tv nazionali, ma latita la politica

di
area industriale saline joniche, ecomostri, tv nazionali, Reggio, Calabria, Politica
L'area industriale di Saline Joniche

Le televisioni nazionali imperversano, ma la politica locale continua a latitare. È il paradosso che sta vivendo l’ex area industriale di Saline Joniche, pesante eredità del “Pacchetto Colombo” dei primi anni Settanta. Dopo mamma Rai con “Linea Blu”, anche Mediaset con il popolare telegionale satirico “Striscia la notizia” ha dedicato un servizio su Liquichimica, Ogr (Officine Grandi Riparazioni), e porto della frazione marina montebellese, definendoli «ecomostri e strutture in abbandono». E in effetti, è proprio così.

La Liquichimica è una fabbrica chiusa, abbandonata e mai bonificata, dove fanno brutta mostra di sé ferraglie arrugginite e degrado ambientale a 360 gradi. A luglio dell’anno scorso il curatore del fallimento della Sipi, società proprietaria di gran parte dei terreni nell’aerea in questione, scrisse una lettera a Regione, Città metropolitana e ai Comuni di Montebello, Bagaladi, Calanna, Condofuri, Melito, Motta e San Lorenzo, invitandoli alla formulazione di una manifestazione di interesse, anche in forma consorziata, per l’acquisto dei terreni di proprietà Sipi.

Leggi l’articolo completo su Gazzetta del Sud – edizione Reggio in edicola oggi.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook