Domenica, 16 Giugno 2019
stampa
Dimensione testo
TRIBUNALE DI PALMI

Non si accorse della sofferenza del feto: inflitti 8 mesi a un ginecologo di Polistena

malasanità, malasanità calabria, polistena, Michelangelo Silipigni, Reggio, Calabria, Politica
Tribunale di Palmi

Un medico dell'ospedale di Polistena è stato condannato a 8 mesi di reclusione dal Tribunale di Palmi. Si tratta del ginecologo Michelangelo Silipigni, imputato insieme alle ostetriche Ambrogina Colella, Pasqualina Spanò e Concetta Sceni, tutte assolte dal giudice Simona Monforte.

Agli imputati veniva contestato il reato di omicidio colposo perché, riporta la Gazzetta del Sud in edicola, avendo in cura la paziente M. M. di Palmi, alla 38ma settimana di gravidanza, non avrebbero identificato la condizione di sofferenza fetale sub-acuta per un'erronea interpretazione di un tracciato toco-cardiografico, provocando così la morte endouterina del feto. Il tragico evento era avvenuto il 18 novembre 2013, pochi giorni prima della nascita del bambino.

I genitori, i coniugi A. B. e M. M., assistiti dall'avvocato Andrea Alvaro, avevano subito presentato una denuncia contro ignoti, chiedendo il sequestro della cartella clinica e l'esecuzione dell'autopsia.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook