Martedì, 22 Ottobre 2019
stampa
Dimensione testo
L'INCHIESTA

Fallimento della Multiservizi a Reggio, tra gli indagati anche l'ex sindaco Scopelliti

multiservizi, Giuseppe Scopelliti, Reggio, Calabria, Politica
Giuseppe Scopelliti

C'è anche l’ex sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Scopelliti tra i 18 indagati nell’indagine della Guardia di Finanza relativa al fallimento della Multiservizi Spa, società mista del Comune di Reggio Calabria.

L’ipotesi di reato contestata in concorso all’ex primo cittadino, che ha ricoperto anche l’incarico di governatore della Calabria, è di bancarotta, in quanto in qualità di sindaco del Comune di Reggio Calabria dal 20 giugno 2002 al 14 maggio 2010, quindi in qualità di legale rappresentante del socio di maggioranza di Multiservizi Spa, il 9 novembre 2004 avrebbe sottoscritto i patti parasociali il cui articolo 6 ha attribuito di fatto al socio di minoranza, Gst srl, il potere di scelta dell’amministratore della Multiservizi. «Con ciò contravvenendo allo statuto appena stipulato» ha affermato nel corso della conferenza stampa il procuratore capo Giovanni Bombardieri spiegando che al socio di maggioranza, ovvero il Comune, spetta il potere di nomina, e al socio di minoranza il potere di controllo.

«Il Comune di Reggio Calabria - si legge nei patti parasociali siglati da Scopelliti - si impegna affinchè i componenti del consiglio di amministrazione da esso designati deliberino favorevolmente l’attribuzione, in via esclusiva, di tutti i poteri per la gestione della società a favore dell’amministratore delegato, la cui designazione spetta a Gst srl».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook