Martedì, 14 Luglio 2020
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Reggio, nuova intimidazione al coordinatore Sardine. Falcomatà: "Città al tuo fianco"
L'EPISODIO

Reggio, nuova intimidazione al coordinatore Sardine. Falcomatà: "Città al tuo fianco"

"'Firmasti a to cundanna'. 'Hai firmato la tua condanna'. Con queste parole Filippo Sorgonà, coordinatore delle Sardine di Reggio Calabria è stato minacciato di morte per la seconda volta. "Un mese fa gli hanno bruciato due ettari della sua azienda agricola". Lo scrive in
una nota il movimento 6000 sardine.

«Da sempre - prosegue la nota - Sorgonà è stato impegnato a combattere con determinazione e alto senso civile ed etico la lotta alla mafia calabrese, la 'ndrangheta». «Le scritte di cui parlo - afferma Sorgonà - sono facilmente riconducibili a una sigla politica. Ieri, oggi e domani sarò sempre dalla stessa parte a combattere per giustizia e libertà. Nell’anniversario della strage di Capaci, avrei voluto scrivere altri post per rinnovare l’impegno a questa sacra memoria».

Alle parole di Filippo, conclude la nota, «tutte le sardine italiane si uniscono e senza se e senza ma, con maggior determinazione, ci impegneremo contro tutte le mafie e gli estremismi politici".

Il sindaco di Reggio, Giuseppe Falcomatà, ha commentato l'episodio in un post pubblicato sul suo profilo Facebook. "Reggio è un'altra cosa. Filippo è una brava persona, pura, genuina, generosa. Ieri dei balordi vigliacchi hanno scritto questo su un muro vicino casa sua a Ortì: “Firmasti a to cundanna”, ironia del destino proprio nel giorno dell’anniversario della strage di Capaci".

"La città è con te Filippo, la stragrande maggioranza di questa città è con te. È con te la città che conosce il sacrificio -scrive il sindaco di Reggio - , le difficoltà, la fatica, la paura; ma anche il coraggio, la speranza, l’ostinazione, la voglia di non arrendersi e non indietreggiare mai. Reggio, questa Reggio, è al tuo fianco. Proprio per questo domani, insieme alla giunta e ai consiglieri, visiteremo il tuo Museo della Seta.

"Dovremmo farlo tutti, sarebbe il modo migliore per dire da che parte stiamo, per dire che a noi queste sentenze di condanna fanno solo ridere e anche per conoscere un pezzo importante della storia della nostra città. Per dire soprattutto che Reggio è un’altra cosa, che noi siamo un’altra cosa", conclude Falcomatà.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook