Lunedì, 06 Dicembre 2021
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Crisi al Comune di Reggio, "Perna usato e gettato via. Così non si fa"
L'INTERVENTO

Crisi al Comune di Reggio, "Perna usato e gettato via. Così non si fa"

di
Un gruppo di intellettuali prende le difese dell’ex vicesindaco dopo la defenestrazione ordinata da Falcomatà
Reggio, Politica
Giuseppe Falcomatà e Tonino Perna

«Così non si fa!». Urla un gruppo di intellettuali (Daniele Castrizio, Lino Caserta, Fabio Cuzzola, Alberto Ziparo, Franco Arcidiaco, Giuseppe Bombino, Piero Polimeni, Mimmo Rizzuti, Alberto Giansanti, Luciano Arcidiaco, Maria Rachele Bellomi, Giuseppe Minniti, Gianni Pensabene, Bruno Neri, Piero Milasi) all’indirizzo del sindaco sospeso Giuseppe Falcomatà in merito alla defenestrazione del prof. Tonino Perna dalla carica di vicesindaco. «E il modo ancor m’offende», scrive Dante nel V Canto dell’Inferno raccontando la passione che travolse Paolo e Francesca. Ed evidentemente il “modo” usato da Falcomatà ha offeso nel profondo Perna e i suoi sostenitori. «Esiste un limite invalicabile – sostengono –, persino in questa città abituata a lasciarsi usare e abusare da chiunque abbia la prepotenza per farlo. Esiste un limite oltre il quale anche chi non si sente di appartenere a una fazione, a un partito, non può più stare zitto e accettare rassegnato qualunque sopruso alla logica e alla rispettabilità delle persone. Non si può pensare di offendere la dignità di uno studioso e di un uomo delle istituzioni, che ha agito sempre per il bene della Comunità, e sperare di farla franca».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Reggio

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook