Mercoledì, 29 Giugno 2022
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società Reggio Calabria, il consiglio comunale istituisce il garante per la salute

Reggio Calabria, il consiglio comunale istituisce il garante per la salute

di
Reggio, Calabria, Società
Comune di Reggio

Il consiglio comunale di Reggio Calabria ha istituito del garante alla salute. La votazione è arrivata all’unanimità sulla proposta del consigliere delegato alla sanità, Valerio Misefari. Lo stesso in Aula ha ricordato che «la situazione del settore sanitario è critica; gli ospedali sono sovra carichi ma sono condizionati anche dalla carenza di personale.

I cittadini reggini soffrono e in particolare soffrono coloro che non hanno i mezzi economici sufficiente. Abbiamo pensato di istituire la figura del garante della salute dopo tutte le altre figure istituzionali istituite. Il garante interviene a richiesta dei cittadini per rispondere alle esigenze della collettività e del singolo. Prima della votazione, ha preso la parola il consigliere Antonino Pizzimenti che ringrazia per la sensibilità dimostrata «su un settore che versa in condizioni pessime delle strutture cittadine».

Su proposta del consigliere Riccardo Mauro, approvato dall’Aula un ordine del giorno relativo alla vicenda della signora Angela Villani, madre di un bimbo affetto da sindrome di Asperger che sta combattendo una battaglia legale affinché il diritto alle cure sia garantito per suo figlio per altri bambini nella medesima condizione.

L'ordine del giorno è stato anche sottoscritto da Misefari e Giuseppe Sera. Nello specifico, il testo dell'ordine del giorno, votato all'unanimità dal Consiglio Comunale, impegna il sindaco e la giunta a sottoporre alla dirigenza dell’Asp la vicenda della signora Villani che chiede l’assistenza per il figlio.

«È infatti dimostrato - ha spiegato il consigliere Mauro a margine della seduta del consiglio - che i trattamenti siano più efficaci se applicati nello stesso contesto di appartenenza del minore affetto da disturbi dello spettro autistico, senza che il percorso di cura sia da ostacolo alle normali e consuete attività di relazioni sociali e ai percorsi educativi che i bambini intrattengono in famiglia, a scuola o con i loro amici. C'è un motivo se la Costituzione italiana è considerata la più bella al mondo - ha affermato ancora il consigliere Mauro - dice che, sulla base dei diritti fondamentali riconosciuti, nessuno deve rimanenere indietro. Sotto ogni punto di vista, soprattutto quello sanitario. Sulla base di questo sacrosanto principio ogni anno vengono emesse centinaia di sentenze, una delle quali riguarda il diritto del piccolo Matteo, il figlio della signora Villani, a curarsi ed a poterlo fare, nelle migliori condizioni possibili, nella sua Reggio. Mi appello al senso di responsabilità dei commissari dell’Asp. Devono adeguarsi ad una sentenza, devono applicare la legge che è e deve essere uguale per tutti».

L’aula ha approvato, con un numero striminzito di consiglieri, una valanga di debiti fuori bilancio e il gemellaggio con la città di Betlemme. Il sindaco Falcomatà ha anticipato tutti, si è presentato in Aula per primo e ha aspettato gli altri. Non certo puntuali.

a.n.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook