Martedì, 22 Giugno 2021
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società Locri, il vescovo Oliva prende provvedimenti: stop alle affissioni di targhette votive
LA DECISIONE

Locri, il vescovo Oliva prende provvedimenti: stop alle affissioni di targhette votive

di
Intervento della Diocesi dopo un servizio televisivo a Platì
stop targhette votive, Francesco Oliva, Reggio, Società
Monsignor Francesco Oliva

«Donare con gioia e disinteresse acquista ancor più valore quando le offerte avvengono in contesti emotivi particolari, come la perdita di un proprio caro, l'assolvere ad una promessa o ad “un voto” fatto, in ringraziamento per una grazia ricevuta». È quanto scrive il vescovo della Diocesi di Locri-Gerace, Francesco Oliva, nel decreto sulle donazioni e affissioni di targhette votive inviato ai presbiteri, diaconi, ai religiosi e a tutte le comunità che entrerà in vigore dal 29 giugno. «Come “popolo santo di Dio” in quel che facciamo e offriamo al Signore – sottolinea il presule – non possiamo adeguarci alla logica dell'apparire», superando con queste parole le polemiche scaturite nelle scorse settimane a seguito di un servizio apparso su un programma di una rete nazionale che ha riguardato la presenza di una “targhetta in memoria” posta in una chiesa a Platì.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Reggio

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook