Domenica, 27 Novembre 2022
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società Incendi: a Reggio Calabria la lotta di padre Vermorel, il monaco paladino del "Laudato si'"
DALL'EREMO DI CAULONIA

Incendi: a Reggio Calabria la lotta di padre Vermorel, il monaco paladino del "Laudato si'"

"Qui basta un niente per mandare tutto in fumo», dice mostrando la natura aspra delle montagne calabresi che ha scelto come sua patria. «Una bellezza che mi ha fatto battere il cuore non appena sono arrivato e che va preservata»
incendi, Frederic Vermorel, Reggio, Società

Dalla Francia alla Locride, dalle aule della prestigiosa università parigina di Sciences Po al silenzio dell’eremo dove prega e accoglie chiunque voglia condividere un momento di spiritualità. E’ padre Frederic Vermorel che da diciotto anni custodisce l’eremo di Sant'Ilarione di Gaza, a San Nicola di Caulonia.

«La lontananza dal mondo non è voler metter una distanza dall’uomo ma dalla mondanità e quest’eremo è come una cassa di risonanza dei dolori del mondo», dice all’ANSA il monaco che, non solo ha scelto di custodire un luogo santo, ma anche la natura nella quale è situato. Per gli abitanti del borgo, a ottocento metri dalla sua rocca solitaria, ha fatto battaglie contro gli incendi e contro l’inquinamento del fiume. "Qui basta un niente per mandare tutto in fumo», dice mostrando la natura aspra delle montagne calabresi che ha scelto come sua patria. «Una bellezza che mi ha fatto battere il cuore non appena sono arrivato e che va preservata» dice quello che l’ex vescovo di Locri, monsignor Giancarlo Maria Bregantini (ora titolare della diocesi di Campobasso), che gli affidò il sito facendolo monaco diocesano, definisce «il paladino della Laudato si'».

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook