Martedì, 09 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società Diocesi Palmi inaugura locali sostenibili, in rispetto "Laudato sì"
TAGLIO DEL NASTRO

Diocesi Palmi inaugura locali sostenibili, in rispetto "Laudato sì"

di
Pannelli fotovoltaici e recupero delle acque piovane

Nella solennità dei santi apostoli Pietro e Paolo, si è tenuto il taglio del nastro per i nuovi locali della Curia Vescovile a Palmi, costruiti in 22 mesi, in piena pandemia, seguendo la tempistica necessaria per il rispetto delle varie normative del piano di emergenza sanitaria.

A giugno 2020 la posa della prima pietra dell’edificio inaugurato che, in coerenza con l’enciclica di Papa Francesco Laudato sii, è stato realizzato nell’ottica della piena sostenibilità e del rispetto dell’ambiente e del creato, dove la produzione fotovoltaica copre la quasi totalità dei consumi (arrivando ad un risparmio energetico tra il 90 e 95%) e le stesse acque piovane, adeguatamente raccolte e depurate, saranno riutilizzate come acqua sanitaria.

«Seguire ogni mattina i lavori per me è stata una  lezione continua di grande senso del lavoro, applicazione permanente, continua,  progressiva e intelligente di chi è espertissimo della materia - ha detto il vescovo Francesco Milito, che ha benedetto i locali – e più volte mi sono chiesto se per assicurare al futuro una costruzione c’è bisogno di così tante accortezze, di tante specializzazione, di  tanta modernità,  quanto è più difficile costruire una Chiesa su basi solide e quante accortezze ci vogliono perché i futuri sacerdoti e il popolo di Dio vada avanti su una costruzione solida?».

Tra i presenti all'inaugurazione il sindaco di Palmi Giuseppe Ranuccio, Concettina Epifanio, presidente del Tribunale di Palmi, Emanuele Crescenti, procuratore di Palmi, il Vicario generale Giuseppe Varrà, le maestranze locali che hanno realizzato i lavori, famiglie che da più generazioni si occupano di costruzioni e il direttore ufficio beni culturali edilizia di culto diocesano e progettista dei nuovi locali Paolo Martino.

«Abbiamo lavorato - ha commentato l’ing. Martino – per tradurre le indicazioni del Vescovo in spazi, volumi, superfici per la Curia di oggi e di domani, ma anche per renderli vivibili e luminosi per chi dovrà operare a servizio della Chiesa e del popolo del territorio di questa diocesi che è in Oppido - Palmi». Ha poi aggiunto: «Edificare un luogo bello per dare alla parola bellezza la pienezza del suo significato, non soltanto estetico, ma anche e soprattutto di valore». L’idea progettuale è così spiegata: «I nuovi locali degli uffici di Curia si inseriscono infatti in modo armonico nel contesto sociale, urbano ed architettonico della città di Palmi, con all’ingresso un ponte che resterà aperto nelle ore diurne per garantire continuità tra Curia e territorio e inoltre sono state abbattute le barriere architettoniche affinché nessuno sia escluso. Ma oltre ai nuovi uffici anche una sala convegni con capienza di 50 posti, a servizio del territorio e di tutta la diocesi».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook