Giovedì, 03 Dicembre 2020
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Foto Archivio In 25mila al corteo per le vittime della mafia

In 25mila al corteo per le vittime della mafia

Migliaia di persone arrivate da tutta Italia a Locri per il corteo organizzato da Libera in memoria delle vittime della mafia. 'Oggi siamo tutti sbirri. Ricorderemo tanti nomi di esponenti delle forze dell'ordine che hanno perso la vita e nessuno li può etichettare e insultare, ha detto don Luigi Ciotti.

'Orgogliosa di avere sposato uno sbirro', si legge sulla maglietta della vedova del brigadiere Antonino Marino, ucciso a Bovalino il 9 luglio del 1990. 'Quando ho visto le scritte di ieri, mi si è rivoltato lo stomaco. Sono moglie e madre di un carabiniere, gli sbirri sono persone perbene. Rispetto', ha detto la donna facendo riferimento alle frasi contro don Ciotti e 'gli sbirri' sui muri del vescovado e di altri due luoghi pubblici della cittadina.

Una grande bandiera della pace è stata portata da ragazzi minorenni migranti dall'Africa arrivati in Calabria con i barconi.

© Riproduzione riservata

TAG: ,

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook