Martedì, 12 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo

Sfruttamento di braccianti e violenza sessuale a Reggio: nomi e foto degli arrestati

Intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro, violenza sessuale, estorsione e istigazione alla corruzione. Questi i reati contestati a vario titolo a cinque persone nei cui confronti i carabinieri di Reggio Calabria, coordinati dalla Procura della Repubblica di Palmi, hanno eseguito altrettante ordinanze di custodia cautelare.

Gli indagati, negli ultimi due anni, avrebbero impiegato cittadini romeni e un maliano come braccianti in due aziende agricole dell'area pre-aspromontana, con paghe irrisorie (in media, meno di un euro per ora di lavoro) e in totale e continuata violazione della normativa in materia. Nel corso delle indagini sono stati accertati anche due episodi di violenza sessuale ai danni di braccianti romene.

Destinatarie delle misure sono due coppie di coniugi: Antonino Violi e Giuseppina Zagari, di 65 e 61 anni, imprenditori di Sant'Eufemia d'Aspromonte, e Luigi Violi, 79 anni, e Concetta Cannizzaro, 75 anni, pure di Sant'Eufemia d'Aspromonte. Con loro è indagato Vasile Dobrea, 27 anni, rumeno, da tempo irreperibile, all'epoca dei fatti domiciliato nel centro aspromontano.

Antonino Violi e Giuseppina Zagari sono stati rinchiusi nella casa circondariale di Reggio Calabria, mentre Luigi Violi è stato posto agli arresti domiciliari. Per gli altri due indagati è stato disposto l'obbligo di firma.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook