Sabato, 23 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca Reggio, così sarà “ricucito” l’affaccio sullo Stretto. LE FOTO DEL WATERFRONT

Reggio, così sarà “ricucito” l’affaccio sullo Stretto. LE FOTO DEL WATERFRONT

di

“Rhegium Waterfront” si chiama, ed è il mega-intervento su un’area di 50mila metri quadrati «avente forte vocazione turistica e di aggregazione sociale». Fil rouge dell’opera, che sarà inaugurata domenica 21 marzo a conclusione di un “percorso di accompagnamento” voluto dall’amministrazione comunale, è il recupero del rapporto della città con il mare. Che, in questo caso specifico, si concretizza nel collegamento tra il lungomare Falcomatà e l’area portuale, «offrendo – precisano da Palazzo San Giorgio – nuove modalità di fruizione di aree precedentemente segnate da forte degrado». La riscoperta urbana s’innesta in un mosaico più ampio, che ha altri tasselli tra Gallico e Catona a un’estremità e tra il Parco Lineare Sud e Pellaro dall’altra. E al centro il “ripescato” Museo del mare immaginato da Zaha Hadid che, dopo anni di polemiche, potrebbe davvero vedere la luce grazie ai Cis o ancora più probabilmente al Recovery Plan. Il segmento oggetto dell’inaugurazione del 21 si sostanzia nella realizzazione di due piazze a quote differenti in cui convergono i percorsi pedonali e ciclabili, generando nuove spazialità urbane da utilizzare per attività ludiche, culturali, sociali. Il “chilometro più bello d’Italia”, insomma, si allunga fino al porto e attraverso la pineta Zerbi. Il punto di congiunzione tra le due piazze genera una scalinata monumentale pensata come un giardino urbano articolato su più livelli, che connette i due spazi proseguendo la passeggiata in modo organico.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Reggio

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook