Mercoledì, 05 Ottobre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca Reggio Calabria, il pentito De Carlo: "Nei cantieri Martino faceva ciò che voleva. Società con Cozza"

Reggio Calabria, il pentito De Carlo: "Nei cantieri Martino faceva ciò che voleva. Società con Cozza"

Non colpito da misura cautelare e denunciato a piede libero, tra gli indagati eccellenti dell'operazione "Planning” spicca il nome di Francesco “Ciccio” Cozza, 48 anni originario di Cariati (Cosenza) ex bandiera della Reggina avendo indossato la maglia amaranto, con intensi periodi in cui ha portato la fascia di capitano, nelle stagioni d'oro della serie A. Ciccio Cozza, che è stato anche allenatore della Reggina nella stagione della ripartenza dopo il fallimento, vive ormai da sempre a Reggio. Allenatore professionista da anni, quest'anno è ritornato alla guida tecnica del San Luca (in serie D).
La Procura antimafia di Reggio Calabria gli contesta il reato di associazione per delinquere, aggravata dal favoreggiamento alla criminalità organizzata. Nello specifico Cozza sarebbe stato uno dei partecipi al sodalizio criminale finalizzato «alla commissione di una pluralità di delitti di trasferimento fraudolento di valori, riciclaggio e autoriciclaggio». L’ex calciatore, attraverso la società “Business Group”, sarebbe coinvolto, in particolare, negli illeciti che avrebbero riguardato la realizzazione di alcuni centri commerciali in Abruzzo «eludendo l’applicazione delle misure di prevenzione patrimoniali».
L’ex capitano della Reggina, come emerge dalle 523 pagine dell'ordinanza di custodia cautelare firmata dal Gip di Reggio Antonino Foti, è indagato insieme all'imprenditore Fortunato Martino, a Reggio molto conosciuto per il passato da appassionato dirigente della Reggina e fondatore di un centro sportivo di massima efficienza nella zona Stadio a Reggio.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Reggio Calabria

La dichiarazione di Cozza

Mi ritengo, in coscienza, estraneo a ogni reato che mi è stato contestato. Sono e resto sereno, perché ho sempre  improntato il mio vissuto nel segno dell'onestà e della legalità. Per quanto riguarda il procedimento giudiziario, che mi è stato notificato nella giornata di ieri, posso solo dire che ciò non intacca la mia  fiducia nella magistratura alla quale chiedo solo di fare al più presto  chiarezza sulla mia posizione sia nell'interesse della giustizia che della mia  onorabilità."

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook