Giovedì, 21 Febbraio 2019
stampa
Dimensione testo

Negramaro a Reggio, Sangiorgi: "Se Lele non si fosse svegliato, avrei smesso di cantare"

"Se Lele non si fosse svegliato, avrei smesso di cantare". Parola di Giuliano Sangiorgi. Il frontman dei Negramaro si è raccontato in un'intervista al settimanale Vanity Fair, parlando anche del loro nuovo tour che toccherà anche la Calabria il 17 marzo con un concerto a Reggio Calabria (Palacalafiore).

Sangiorgi ricorda quanto successo a Lele Spedicato, chitarrista del gruppo, colpito lo scorso 17 settembre da una emorragia cerebrale che lo ha mandato in coma.

E parlando di musica, ha raccontato: "Il primo disco che ho comprato in vita mia era un disco rap".

"La musica deve provare a durare e ad evadere dai propri limiti. E’ quando credi che nessun contenuto possa andare oltre i tuoi confini che un popolo inizia a chiudersi".

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X