Mercoledì, 06 Luglio 2022
stampa
Dimensione testo

Musica

Home Foto Musica Da Brunori ai Maneskin, fino a Jovanotti. Alla scoperta del regista reggino Giacomo Triglia

Da Brunori ai Maneskin, fino a Jovanotti. Alla scoperta del regista reggino Giacomo Triglia

di

Tra i grandi protagonisti del recente video clip girato in Calabria da Jovanotti c'è Giacomo Triglia. Calabrese doc, nato a Reggio Calabria e cresciuto a Lazzaro di Motta San Giovanni, Triglia è un affermato regista e sceneggiatore specializzatosi negli ultimi anni nella realizzazione di videoclip musicali.

Triglia - come si legge direttamente sul suo sito - vanta un'esperienza decennale capace di spaziare tra tanti generi, ha diretto e scritto centinaia di video musicali per Sony, Universal e Warner con artisti come i Maneskin, Luciano Ligabue, Levante, Francesca Michielin, Brunori Sas, Lucio Dalla, Samuele Bersani, J-Ax e molti altri. Firmato la regia di pubblicità e docufilm per Mulino Bianco, Disney Channel, Sky Arte, RaiPlay, Spotify e RedBull. Il suo stile è originale e poetico nella narrazione, ricercato nella costruzione maniacale dell’inquadratura. Grande appassionato di cinema, jazz e giocattoli vintage.

Ora, dopo qualche giorno dall'incredibile entusiasmo suscitato dalla venuta di Jovanotti in terra calabra, ne abbiamo approfittato per fare due chiacchiere con Giacomo cercando di conoscerlo meglio.

Come nasce la passione per questo lavoro?

"Fin da piccolo sono stato un grande appassionato di cinema, grazie soprattutto ai film trasmessi da “Fuori Orario” di Enrico Ghezzi. Ho iniziato da autodidatta a realizzare cortometraggi durante i primi anni di Università, ricevendo consensi da vari Festival come ad esempio il Torino Film Festival nel 2004, poi ho fatto un po’ di tv, ho realizzato una rubrica di animazioni su All Music con Dj Albertino. Nel 2009 ho conosciuto Dario Brunori, che tutti conoscerete come Brunori Sas, gli ho proposto di realizzare insieme il videoclip di un suo brano, “Come Stai”, e grazie al successo di Dario il video è diventato una bella vetrina sul mio lavoro, da allora etichette discografiche ed artisti hanno iniziato a chiamarmi e non mi sono più fermato realizzando una trentina di video musicali all’anno".

Sei di Lazzaro. Quanto sei attaccato alle tue radici calabresi?

"Chi non è attaccato alle proprie origini? Ovviamente ricordo con piacere gli anni della mia adolescenza al mare, a scorazzare in bici dalla mattina alla sera, a giocare partite di calcetto che duravano pomeriggi interi, e ricordo le notti trascorse in camera mia a guardare centinaia di film, quei momenti sono stati fondamentali per quel che faccio oggi".

Nel tuo background centinaia di video con artisti molto noti. Qual e’ il lavoro che ti ha lasciato dentro qualcosa in più e l’artista che ti ha colpito di più?

"Tutti mi hanno lasciato qualcosa, ogni singolo lavoro è un’esperienza che ricordo con enorme piacere, e al di là degli artisti è stato bello anche collaborare con tantissimi addetti ai lavori, i giorni faticosi di pre-produzione, le riprese, il relax insieme post shooting, i viaggi all’estero carichi di attrezzatura, i montaggi da solo in studio, la felicità di condividere i lavori finiti e ricevere gli apprezzamenti una volta pubblicati".

Raccontaci come e’ nato il legame con Jovanotti

"Ho conosciuto Lorenzo due anni fa in occasione del suo Beach Party grazie a Dario Brunori, e per me è stato bellissimo già avere avuto il piacere di scambiare due chiacchiere con lui essendo un suo fan di vecchia data. Di recente è arrivata la chiamata per questo videoclip, e quando ci siamo sentiti la prima volta al telefono gli ho detto che aspettavo questa occasione da quando ho iniziato a realizzare video musicali. Fin da subito ci siamo intesi sulle cose da realizzare, scambiandoci mille idee e spunti in videochiamate e chat, fino a giungere alla sceneggiatura definitiva scritta a quattro mani. Durante le riprese l’intesa è stata perfetta ed ho apprezzato tantissimo il suo modo di fare, la sua gentilezza e il suo entusiasmo".

Quanta adrenalina e carica vi ha trasmesso Jovanotti in questi giorni in Calabria?

"Tantissima, è un motore inarrestabile, nonostante il set lungo e faticoso (quasi 12 ore), la sua performance è stata incredibile e lo shooting è stato una festa dall’inizio alla fine, lui per altro si è prestato tantissimo all’entusiasmo dei fan sul set, regalando sorrisi e strette di mano a tutti".

In questo ultimo video accanto a te anche il vibonese Davide Manca. Come e’ stato lavorare con lui? Il tuo e’ un team calabrese? 

"Conosco Davide da tantissimi anni, credo questo sia il terzo o quarto video insieme, l’ho chiamato perché volevo un taglio super cinematografico per il mio video, e lui, grazie alla sua ormai consolidata esperienza nel mondo del cinema, è riuscito a realizzare alla perfezione quello che volevo, grazie anche a delle ottiche bellissime, usate tra le tante cose, sul film Apocalypse Now. Per il resto il team principale di questo set è di Milano, la casa di produzione Borotalco.tv, ma abbiamo attinto anche a delle valide figure professionali calabresi per i reparti di organizzazione, scenografia, costumi e trucco".

Quanto e’ difficile per un giovane come te poter lavorare ed esprimersi al meglio in Calabria? 

"La mia produzione recente è quasi tutta su Milano e Roma a dire il vero, ma semplicemente perché lì ho una serie di professionisti di cui mi avvalgo che sarebbe complicato coinvolgere qui in Calabria per ragioni logistiche, anche soprattutto per la tecnica da noleggiare, camera da presa, ottiche, luci etc. Ma ovviamente se il budget lo consente, come in questo caso grazie al prezioso contributo della Fondazione Calabria Film Commission che ha sposato in pieno il progetto, per me è bellissimo poter girare qui in Calabria, soprattutto per l’enorme potenziale che la nostra terra offre".

Obiettivi e “sogni” del presente e del futuro?

"Non ho mai avuto il tempo di progettare “sogni” per il futuro perché il presente è sempre stato costellato da impegni piacevoli e stimolanti, di sicuro mi piacerebbe fare più pubblicità, un settore affascinante che ho esplorato da poco sul set diretto per Mulino Bianco, ho anche una sceneggiatura in cantiere in fase di sviluppo, quindi sarebbe bello realizzare un film".

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook