Venerdì, 02 Dicembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Video Cronaca Reggio, ad Arghillà sarà un'altra estate "calda" tra acqua (che non c'è), degrado e rifiuti VIDEO

Reggio, ad Arghillà sarà un'altra estate "calda" tra acqua (che non c'è), degrado e rifiuti VIDEO

Arghillà continua ad essere un figlio senza genitori, continua ad essere "terra di nessuno" nel colpevole disinteresse generale delle istituzioni che da queste parti latitano

Una terrazza sullo Stretto di Messina, un luogo geograficamente strategico posto sulla collina di Catona, una realtà che poteva rappresentare uno dei fiori all'occhiello di Reggio Calabria, ma che ben presto negli anni si è trasformata in una vera e propria polveriera.

Arghillà continua ad essere un figlio senza genitori, continua ad essere "terra di nessuno" nel colpevole disinteresse generale delle istituzioni che da queste parti latitano. Arghillà è l'ennesimo quartiere lasciato nel più totale abbandono, in una città che, seppur a fatica e con molti limiti, continua a specchiarsi nel suo kilometro più bello d'Italia. Finito quello, però c'è un altro mondo, c'è una città, ci sono intere frazioni, quartieri e agglomerati urbani che vivono nel terzo mondo tra la spazzatura che, nonostante i progressi degli ultimi mesi, continua ad essere l'emblema di una Reggio incartata nei problemi di sempre, di una Reggio senza identità, anemica, senza una guida a tutti i livelli.

E allora ecco che Arghillà corre seriamente il rischio di vivere un'altra estate drammatica tra acqua che non già non c'è, tra la spazzatura che invade le strade (e sono ricominciati già gli incendi), tra il degrado generale (emblematico il caso di piazza don Italo Calabrò, un luogo in cui quattro anni fa il sindaco Falcomatà frequentava in occasione dell'anniversario della morte di Giovanni Falcone. Un luogo che però oggi si mostra in tutto il suo degrado e in tutto il suo abbandono, una piazza usata come "parcheggio" di carcasse d'auto bruciate, dopo essere state rubate ed essere state "ripulite" dei vari pezzi).

Siamo stati nuovamente ad Arghillà dove i cittadini si sentono abbandonati, dove Giovanni Votano (coordinatore del Comitato di Quartiere) si trova sempre più solo a combattere e a chiedere risposte all'amministrazione comunale, dove la signora Maria Teresa Crucitti (lei come tante) inizia a dover convivere con la mancanza d'acqua. "Già alle 8:30 di mattina non c'è l'acqua, arriva verso le 9 e poi la tagliano alle 12. Abito al comparto 6, ma siamo tutti sulla stessa barca qui sopra ad Arghillà. Non si salva nessuno, non ci si può lavare. Abbiamo due serbatoi e il sindaco quattro anni fa aveva promesso la costruzione del nuovo pozzo, ma ciò non è successo e siamo ancora qui abbandonati dalle istituzioni. Ma la colpa è anche nostra, perchè quando è ora di votare si prendono le schede e si strappano. Non sappiamo fare proteste".

Tra i cittadini che hanno provato in qualche modo a (ri)creare un dibattito sulla grave situazione di Arghillà c'è anche la signora Sonia Lammendola: "Da tanto tempo nessuno fa niente, i controlli non ci sono e i cittadini vengono da altre zone per buttare spazzatura qui. C'è il problema dell'acqua che manca tutta l'estate e la gente si deve ammazzare ad andare a prendere altrove a Rosalì spaccandosi la schiena, specialmente le persone invalide. Chiediamo un intervento urgente al Comune e alla Teknoservice perchè qui non si può vivere così".

© Riproduzione riservata

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook