Domenica, 23 Settembre 2018
SAN LUCA

Strage Duisburg,
tacciono i Nirta

nirta, Reggio, Calabria, Archivio
sebastiano e giuseppe nirta

Si sono avvalsi della facoltà di non rispondere Giuseppe “Charlie” Nirta e Sebastiano Nirta, imputati nel processo-bis per la strage di Duisburg, ritenuti organizzatori ed esecutori materiali dell’eccidio. Giuseppe Nirta, detto “Charlie” ma anche conosciuto come “u zopparellu”, detenuto in regime di carcere duro all’Aquila, ha deciso di non sottoporsi all’esame del pm Francesco Tedesco, eventualmente “rinviandolo” all’esito del colloquio con i propri legali. Sebastiano Nirta, detenuto ma presente in aula, ha comunicato alla Corte d’assise (presidente Alfredo Sicuro, giudice Maria Teresa Gerace), la propria intenzione di non sottoporsi al confronto con la pubblica accusa. Il terzo imputato Antonino Flaviano, che risponde a piede libero di favoreggiamento al clan Nirta-Strangio, non era presente in aula. Il pm Tedesco, all’esito della decisione degli imputati, ha chiesto l’acquisizione dei verbali degli interrogatori di garanzia resi all’epoca dell’arresto davanti al gip distrettuale, nei quali i due Nirta hanno comunque fatto
scena muta.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X